Nutrimenti

Una ricerca continua
I Nutrimenti sono un progetto di ricerca. Sono semi culturali per riflettere insieme su chi siamo, cosa facciamo, dove vogliamo andare. Sono strumenti per elaborare metodi e processi da applicare nella vita quotidiana di persone e organizzazioni.
17/10/2019

«Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura», nella quale avevo deciso di sovrapporre totalmente la mia identità con quella del mio lavoro. È stata una scelta desiderata e intenzionale.

09/10/2019
Si può intendere il cambiamento come un continuo adeguamento al mutare delle cose. Oppure, come un processo di costruzione e liberazione dal dolore.
03/10/2019
Guardiamo la vita come una serie di obiettivi posti davanti a noi. Senza pensare che vivere è anche riepilogare, riassumere, comprendere.
20/12/2018
Il Natale è quel momento che ci ricorda come ogni caduta, ogni sconfitta, contiene in sé il germe di una nuova e luminosa esperienza.
11/12/2018
In un tempo che ci invita di continuo a dimenticare, creare memoria è l'atto con cui riprendersi la propria identità e la possibilità di un futuro.
06/12/2018
L'asimmetria sembra pervadere la vita molto più di quanto pensiamo e anche nel quotidiano è una risorsa preziosa, da non trascurare.
30/11/2018
Dal latino "salus", la salute richiama l'integrità: uno stato perfetto di benessere, una felicità che altro non è se non la piena unità di senso.
21/11/2018
Amare è dare un significato, costruire un percorso, diventare autori protagonisti e fruitori della più grande delle opere d'arte, se stessi.
15/11/2018
Potremmo imparare dagli antichi: solo l'arte e la poesia possono leggere quel senso imprendibile che va oltre il linguaggio e che Kant chiama sublime.
07/11/2018
Nel conflitto possiamo riconoscere la più fondamentale delle nostre libertà: quella di essere sempre costretti a scegliere.
31/10/2018
La vita può essere un risultato da raggiungere, o un itinerario aperto, un esperimento in cui il risultato è il processo stesso per compierlo.
25/10/2018
Conflitto è la parola maschile per una realtà femminile più complessa e sfuggente che, paradossalmente, non lo cancella ma lo trasforma e lo amplia.